Istanze per le autorizzazioni paesaggistiche

Istanze presentabili per l'edilizia sismica

Istanze presentabili per l'ambiente

Istanze presentabili per la gestione delle risorse idriche

Pagamento di diritti, oneri ed imposta di bollo

Autorizzazione all'esercizio di impianti mobili di smaltimento o recupero di rifiuti

Descrizione dell'istanza
Cos'è: 

art208comma15L'esercizio di impianti mobili finalizzati al trattamento di rifiuti per mezzo di campagne di attività di breve durata è soggetto ad autorizzazione ai sensi dell'articolo 208 comma 15 del Decreto Legislativo 03/04/2006, n. 152.

Per impianto mobile si intende una struttura tecnologica unica o, in casi particolari, un assemblaggio di strutture tecnologiche uniche, che possono essere trasportate e installate in un sito per effettuare campagne di attività di durata limitata nel tempo non superiore a 120 giorni. Per struttura tecnologica unica si intende un unico macchinario identificabile con marca, modello e numero di matricola. Gli impianti mobili sono soggetti alla direttiva macchine.

Non ricadono nella categoria di impianti mobili che effettuano operazioni di recupero o smaltimento di rifiuti ai sensi dell'articolo 208 comma 15 del Decreto Legislativo 03/04/2006, n. 152:

  • gli impianti di disidratazione dei fanghi generati da impianti di depurazione e che reimmettono l’acqua in testa al processo depurativo presso il quale operano
  • gli impianti che effettuano esclusivamente riduzione volumetrica e separazione delle frazione estranee.

L’impianto mobile deve essere in piena ed esclusiva disponibilità del soggetto che richiede l’autorizzazione.

Ad impianto mobile autorizzato il soggetto giuridico che intende avviare una campagna di attività di recupero rifiuti deve presentare 60 giorni prima dell’installazione dell’impianto alla Provincia e per conoscenza, al Comune, all’ARPA ed all’ASL territorialmente competenti, apposita comunicazione.

Le operazioni di recupero o smaltimento rifiuti a mezzo impianto mobile devono essere svolte esclusivamente dal soggetto autorizzato, e i rifiuti ed i materiali derivanti dal trattamento sono a tutti gli effetti prodotti dal titolare dell’autorizzazione.

Prima di richiedere l’avvio delle campagna di attività di recupero dei rifiuti con la relativa comunicazione, si deve verificare se la propria attività rientra o meno tra quelle soggette a Verifica di assoggettabilità a VIA, a Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) o ad Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA).

Documentazione richiesta per la presentazione dell'istanza
Informazioni sull'istanza
Pagamenti: 

Il procedimento prevede il pagamento dell'imposta di bollo da 16 € e degli oneri istruttori.

Iter del procedimento: 

L’autorizzazione impianto mobile è rilasciata entro 150 giorni dalla presentazione della domanda.

Ad impianto mobile autorizzato il soggetto giuridico potrà avviare la campagna di attività di recupero rifiuti se non emergono fattori ostativi al suo svolgimento a seguito di provvedimento da parte della Provincia da emanarsi entro il termine massimo di 60 giorni dalla presentazione della comunicazione.

Sede Legale
Piazza XX Settembre, n. 20 - 71100 Foggia
Telefono: +39 0881 7911111
Fax: +39 0881 720007

 

Partita IVA
00374200715

 

E-mail: provincia@provincia.foggia.it

E-mail PEC: protocollo@cert.provincia.foggia.it

Ufficio Assetto del Territorio

Cosa fa

Dove si trova

Contatti

Il portale dell'ufficio

Ufficio Lavori pubblici e Infrastrutture

Cosa fa

Dove si trova

Contatti

Ufficio Ambiente

Cosa fa

Dove si trova

Contatti

Ufficio Politiche delle Risorse Idriche

Cosa fa

Dove si trova

Contatti